mercoledì 13 luglio 2016

La metamorfosi

La metamorfosi della libellula: dalla larva al dragone volante. Il terrore degli stagni.

Libellula depressa

Quest'articolo doveva uscire un'anno fa circa. Poco prima di lasciare la nostra vecchia casa. Poi il dubbio, l'indecisione, e i pensieri hanno preso il sopravvento… È bastato un click per rimettere tutto in soffitta.

In seguito, in attesa di trovare un luogo per ripartire, tra mille imprevisti (che mi hanno tenuto lontano dalla rete e concentrato su cose più importanti della vita), mi sono quasi dimenticato delle libellule. Eppure, le avevo tanto cercate. È stato emozionante vederle arrivare dopo pochi giorni dalla realizzazione dello stagno, per non parlare delle loro danze sullo specchio d'acqua. E come giusta conseguenza di quella corte nuziale sono poi arrivate le larve, che hanno fatto buona guardia contro tutti gli infestanti, in particolar modo le zanzare.

È proprio da queste larve che voglio ripartire. Le neanidi (questo è il termine appropriato), cioè i nuovi nati, vivono la loro vita nell'acqua, passando da una trasformazione all'altra fino a quella più importante; quella che le farà emergere e le porterà a mutare in magnifiche libellule colorate. Ed è così che un giorno vidi uno strano riflesso sull'acqua immobile…

Libellula depressa, riflesso nello stagno

Su uno stelo di Equisetum japonicum si era compiuta la metamorfosi. Un esemplare di Libellula depressa ("depressa" in virtù della specie e non a causa di uno stato patologico mentale) spiegava per la prima volta le sue ali al vento. E le lasciava asciugare bene; tappa indispensabile per poter prendere il volo. In questo momento cruciale la libellula era immobile ed incapace di difendersi. Una manna per chi vuole fare qualche foto (oltre che per ragni, formiche ed uccelli insettivori).

Libellula depressa, metamorfosi

La cosa più sorprendente è legata alla fisica. Una questione di volume. Come faceva questa robusta libellula ad essere pochi minuti prima all'interno di questa piccola ninfa? E come ha fatto ad uscire da quel corpo che la imprigionava, senza nemmeno lacerare la vecchia cuticola? Si nota solo un piccolo foro con qualche filo penzolante, come se fosse un cordone ombelicale definitivamente staccato. E le ali? Dove teneva le sue ali, ora perfettamente lisce e stirate?

Libellula depressa, metamorfosi

La risposta l'ho scoperta qualche tempo dopo, quando ho potuto vedere un'altra metamorfosi. Questa volta ero arrivato in anticipo. Con uno stelo ho spostato la piccola libellula appena uscita mettendola in una posizione comoda per l'osservazione. Sono poi rimasto immobile con la macchina fotografica in mano. Riguardando con calma le decine di scatti fatti nell'arco di un quarto d'ora circa, ho capito come andavano le cose. La libellula esce dalla vecchia cuticola con un corpo piccolissimo che si sviluppa molto velocemente. Ancor più rapida è la crescita delle ali. Qui si nota come si sono sviluppate in una decina di minuti.

Libellula depressa, sviluppo ali durante la metamorfosi

Ancora un po' di pazienza ed ecco il risultato. Le ali sono diventate trasparenti e resistenti; pronte ad assicurare il volo di questo possente insetto.

Libellula depressa

Sono proprio le ali a rendere le libellule uniche in tutto il creato. Possono infatti muoversi in maniera asincrona (cioè in modo non sincronizzato; l'una indipendente dalle altre). Questo significa che ogni ala "può andare per conto suo". Questa caratteristica, associata alla capacità dei potenti muscoli di far ruotare le ali su se stesse, permette degli spostamenti rapidissimi con cambi di direzione repentini; il tutto ad un costo energetico molto basso. In conclusione, una libellula può sollevare due o tre volte il propio peso. Un incubo per le prede nei dintorni dello stagno! Non per niente gli inglesi chiamano la libellula dragonfly, il drago volante. Ma contrariamente ad un drago, le libellule sono slanciate ed eleganti (anche se in realtà un drago vero, non l'ho mai visto).

Libellula depressa
Di che fare impallidire le vetrate di una cattedrale gotica.

La vista è il secondo punto forte di questo predatore. I suoi occhi composti, le permettono di vedere in tutte le direzioni. Agguato o attacco in volo: non c'è quasi scampo per la potenziale preda… Vedono anche chi vuole fotografarle e sono generalmente piuttosto diffidenti.

Libellula depressa, dettaglio

Mi piace pensare alla metamorfosi della libellula. C'è da dire che le neanidi sono piuttosto bruttine (anzi orribili, secondo il parere del genere femminile umano). Eppure la metamorfosi le libera dal peso del passato; distilla il bello nascosto che c'è in loro per liberarlo in un corpo nuovo. Pronto a spiccare il volo, pronto per una nuova vita. È vero, oggi mi sento un po' filosofo, ma prometto che non durerà a lungo. L'orto naturale sta per tornare…

Libellula depressa, dettaglio


Vota:
2 voti

5 commenti :

Stefano - sabato 17 settembre 2016
www.theredleo.com/
Le libellule sono degli insetti bellissimi, chiamate anche aghi del diavolo, perchè si credeva che fossero legate alle streghe e a Satana.

Jay - sabato 17 settembre 2016
Ciao Cristiano, congratulazioni per le stupende fotografie !! Ho letto tutto, ho imparato parecchie cosine, grazie di cuore per questo bellissimo "reportage"

Alberto - sabato 17 settembre 2016
Stupendo!!! Grazie.

Spero di leggerti ancora presto, mancavi Cristiano.

daniele - lunedì 19 settembre 2016
è sorprendente la tua capacità di rendere affascinanti le tue osservazioni , ottimo articolo , splendide fotografie , nozioni accurate e paragoni azzeccati ( la cattedrale gotica ) . è un piacere leggerti .

Cristian - domenica 18 dicembre 2016
Grazie a tutti per il sostegno. Tra poco torniamo... ;)
Aggiungi un commento:
  • Pseudonimo
  • EmailL'email non sarà pubblicata
  • Url Puoi indicare il tuo sito o blog
  • Commento Il codice HTML è disabilitato
  • Controllo di sicurezzaPer validare il commento, inserisci il risultato del calcolo nel campo seguente
    0 + 5 =  

Categorie

Articoli più consultati

Utimi articoli

Archivi

Tag

Libri consigliati

La Coltivazione Familiare del Grano
Per l'indipendenza alimentare
Voto medio su 5 recensioni: Buono
€ 5
Permacultura per l'Orto e il Giardino - Libro
Esperienze e suggerimenti pratici per raggiungere l’autosufficienza in un piccolo pezzo di terra
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
€ 14
Guida Pratica alla Permacultura - Libro
Come coltivare in maniera naturale Giardini, Orti e Frutteti
Voto medio su 19 recensioni: Da non perdere
€ 19.5
Agricoltura Sinergica - Libro
Le Origini, l'Esperienza, la Pratica
€ 20
L'Orto Sinergico - Libro
Guida per ortolani in erba alla riscoperta dei doni della terra
Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere
€ 13
Coltivare e Allevare per l'Autosufficienza della Famiglia - Libro
Ortaggi, Frutta, Vino, Olio, Latte, Uova, Carni, Miele
€ 9.9
Le Case in Paglia - Libro
Come costruire edifici, uffici, capanne o cottage sostenibili, economici, efficienti e sicuri utilizzando le balle di paglia
Voto medio su 4 recensioni: Buono
€ 18.9
Forni in Terra Cruda - Libro
Manuale pratico illustrato di autocostruzione
€ 12
Fare in casa Vernici Naturali - Libro
Ricette e consigli per proteggere e abbellire il legno senza inquinare
€ 14

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti (per proporti pubblicità e servizi). Chiudendo questo banner, continuando a consultare questa pagina o continuando a navigare su questo sito acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni clicca sulla pagina Informativa sui cookies.Accetto